fbpx

La leggenda di San Guinefort – Il cane santo

La leggenda di San Guinefort - Il cane santo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp
La storia ci regala curiosità e aneddoti molto interessanti, alcuni di questi hanno come protagonista il cane, e i ragazzi di Pinte di Storia li raccontano sul loro canale Youtube.

Riportiamo un episodio in particolare che ci ha colpito più di tutti, la storia di San Guinefort, il cane che divenne santo.

Attorno al periodo medievale (XIII secolo), nella valle del Rodano, la storia o leggenda tramandataci da Stefano di Borbone fino ad oggi, racconta di Guinefort un levriero che, tornato al castello dopo una battuta di caccia insieme al suo padrone, venne ucciso e fatto santo. 

Il cavaliere aveva da poco avuto un figlio e, tornato a castello dopo una battuta di caccia,  notò che tutti gli oggetti nella stanza del piccolo erano sottosopra con macchie di sangue dappertutto, la culla era ribaltata e Guinefort aveva le fauci sporche di sangue. 

Senza pensarci due volte, accecato dalla rabbia, il cavaliere lo uccise con un colpo di spada pensando che avesse fatto del male al bambino. Dopo poco sentì il pianto del neonato e di fianco a lui vide una serpe morta. 

Subito capì cos’era successo poco prima, il cane aveva lottato contro la serpe per difendere il bambino, allora il cavaliere, pieno di sensi di colpa, lo fece seppellire con tutti gli onori in una tomba coperta di pietre. Col tempo il luogo divenne meta di pellegrinaggi e per i popolani divenne un santo al pari di quelli umani, protettore dei bambini. Il culto fu abolito definitivamente negli anni ‘30 del XX secolo dalla Chiesa Cattolica. 

Questo è solo una delle quattro storie raccontate nel video sul canale Youtube “Pinte di Storia”. Per maggiori curiosità lasciamo il link di riferimento:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Potrebbe interessarti anche
volontarie del rifugio riot dog

Mangime sospeso, una nuova buona abitudine

Il caffè sospeso ha dato vita a diverse iniziative che, partendo dallo stesso concetto, trovano applicazione in tanti altri ambiti. Da qui l’idea di FEED-0 di portare questa usanza anche nel mondo del petfood, per aiutare i cani un po’ meno fortunati.

Leggi di più »
Coda si uno Shiba Inu

La coda del cane: storia e significati

Una delle parti anatomiche più interessanti dei cani è sicuramente la coda. Che sia un cane di razza o un meticcio la coda non solo è un importante patrimonio genetico del cane ma è necessaria per esprimere emozioni, stati d’animo, sensazioni e sentimenti.

Leggi di più »
Carrello
There are no products in the cart!
Totale
0,00
Total
0,00
Continua a fare acquisti